Giulio Regeni, 33 mesi senza la verità

Pur minimizzando e fornendo una ricostruzione poco credibile delle circostanze in cui il giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi è stato assassinato all’interno del consolato di Istanbull’Arabia Saudita si è sentita costretta ad ammettere le proprie responsabilità, ricostruendo una catena di comando che tiene al riparo l’uomo forte di Riad, il principe della corona Mohammed bin Salman. Tra i primi provvedimenti, il licenziamento del vice capo dei servizi segreti e una serie di arresti.

Queste ammissioni, queste verità di mezzo, sono arrivate neanche 20 giorni dopo l’ingresso (senza più uscirne vivo) di Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul.

Dal Cairo, a 33 mesi esatti dal rapimento di Giulio Regeni, seguito dalla sua sparizione forzata, da efferate torture e dal suo assassinio, la verità non l’abbiamo ancora. Né una intera, né una di mezzo, che ovviamente non basterebbe.

Cos’ha fatto la differenza tra le due vicende, le cui due vittime – è opportuno sottolinearlo – non avevano peraltro nulla in comune, non essendo Giulio né un giornalista né un dissidente?

Quando le voci sull’assassinio di Jamal Khashoggi all’interno del consolato saudita si sono fatte insistenti, molti governi e anche varie aziende hanno preso posizione e minacciato ripercussioni sul piano politico e commerciale. Da ultimo, non poco titubante, si è mosso anche il numero Uno tra gli amici dell’Arabia Saudita, il presidente statunitense Donald Trump. L’Arabia Saudita è stata forzata ad ammettere che pezzi rilevanti dello stato avevano preso parte a quell’omicidio.

Tutto questo non è avvenuto per Giulio Regeni: tre successivi governi timidi nel chiedere la verità, nessuna pressione concertata a livello internazionale sul presidente al-Sisi, nessuna minaccia di ripercussioni sul piano commerciale.

Il risultato è che due anni e nove mesi dopo quel maledetto 25 gennaio 2016, nonostante l’impegno della procura di Roma, gli sforzi dei legali italiani e dei colleghi egiziani e la mobilitazione dell’opinione pubblica, la verità non è ancora arrivata.

Riccardo Noury – 25.10.2018 – Le persone e la dignità – corriere.it

Lo striscione "Verità per Giulio Regeni" esposto oggi al Centro Territoriale Volontariato di Vercelli

Lo striscione “Verità per Giulio Regeni” esposto oggi al Centro Territoriale Volontariato di Vercelli