Torino – Sgombero del complesso ex MOI

Amnesty International Piemonte – Valle d’Aosta ha preso atto con sollievo che lo sgombero delle due palazzine restanti del complesso dell’ex Moi, avvenuto la mattina del 30 luglio, si è svolto in modo pacifico e senza particolari problemi.

L’organizzazione per i diritti umani auspica ora che venga garantita a tutte le persone, da parte delle istituzioni competenti, una sistemazione adeguata e che consenta ai nuclei familiari di restare uniti, nel rispetto delle convenzioni internazionali. A tale proposito è stato rilevato che il numero delle persone trasferite sarebbe nettamente superiore alle 370 menzionate in tutti i comunicati ufficiali.

Risulta inoltre che siano a disposizione, in varie sistemazioni, non oltre 400 posti e che parte delle persone sgomberate, collocate provvisoriamente in due centri in attesa dei trasferimenti definitivi, siano state espulse dai medesimi con fogli di via in quanto prive di documenti validi.

Amnesty International Piemonte – Valle d’Aosta teme che queste persone, se rintracciate, potrebbero essere detenute nei centri di espulsione, luoghi nei quali il rispetto dei diritti umani non è garantito.

L’organizzazione sollecita dunque il rispetto dei diritti di tutte le persone coinvolte nello sgombero dell’ex MOI.