Le Azioni Urgenti

Il programma Azioni Urgenti ha lo scopo di salvare persone che vivono situazioni di emergenza per quanto riguarda i Diritti Umani. Si tratta di un metodo di risposta rapida realizzato per proteggere individui la cui vita o integrità fisica è in pericolo.

CHI CERCHIAMO DI AIUTARE ?

Le Azioni Urgenti sono utilizzate per salvare prigionieri che vengono torturati o che corrono il rischio di esserlo, che hanno bisogno di cure mediche o che rischiano l’esecuzione capitale immediata. Vengono attivate nei momenti critici dei processi per tutelare prigionieri politici da trattamenti iniqui, per ritrovare persone “scomparse”, per aiutare richiedenti asilo che, se rinviati al loro paese, rischiano di subire violazioni dei Diritti Umani.

COME FUNZIONA IL SISTEMA AZIONI URGENTI

La velocità è vitale. Amnesty International, rilasciando un’Azione Urgente, attiva una rete mondiale di attivisti che inviano messaggi in tempo reale al Governo target. La scheda dell’Azione Urgente contiene tutte le informazioni necessarie: la situazione dettagliata, il testo consigliato per l’appello, gli indirizzi ai quali inviare l’appello e il tempo limite entro il quale concludere l’azione. Sovente si tratta di indirizzi mail e quindi il processo di invio è semplice, economico e richiede un tempo minimo.

COSA PUOI FARE

Su questa pagina, qui sotto, puoi trovare quattro Azioni Urgenti rilasciate in questi giorni dalla nostra Organizzazione. Partecipa anche tu: leggi le informazioni e poi invia l’appello. Avvisaci tempestivamente nel caso ti pervenisse una risposta dalle autorità target, scrivendo al nostro indirizzo mail.

SCRIVI UNA LETTERA, SALVA UNA VITA

EGYPT: ALAA ABDEL FATTAH AND MOHAMED EL-BAQER

On 18 May 2020, prominent activist Alaa Abdel Fattah – who has been arbitrarily detained since September 2019 at Tora Maximum Security Prison 2 ended his 36-day hunger strike in protest at the renewal of his detention in a hearing he was not allowed to attend. Human rights lawyer Mohamed el-Baqer’s pre-trial detention was also renewed for 45 days in his absence, denying him the right to challenge his arbitrary detention.

SRI LANKA: HEALTH CONCERNS FOR DETAINED BLOGGER: RAMZY RAZEEK

Ramzy Razeek, a retired government official and social media commentator, has been detained since 9 April 2020 without charge, or proper access to lawyer. Suffering from several medical complications, his family is worried about his health conditions in the overcrowded and unhygienic prison facilities. Detained for peacefully exercising his right to freedom of expression, Ramzy Razeek must be immediately and unconditionally released, and all charges against him dropped.

ALGERIA – POLITICAL LEADER IMPRISONED FOR SPEECH

On 27 April 2020, the trial of the leader of the opposition Algerian political party, Union Démocratique et Sociale (UDS), Karim Tabbou, has been postponed to 1 June 2020 due to regulations related to COVID-19. After an unfair trial characterized by lack of notification for the defense and a collapse of the defendant in the court room, an appeals court sentenced Karim Tabbou to one year in prison for speech related charges.